Productivity journaling: il diario della produttività

Continua il nostro viaggio nel mondo della produttività. Con questi approfondimenti vorrei farti notare che nell’epoca del digitale con mille device, app e software si può gestire efficacemente la propria produttività anche sono attraverso un quaderno!

Che cos’è il productivity jounaling

Il productivity journaling si rivela efficace e illuminante quanto una normale attività di journaling, con una differenza fondamentale: è progettato per aiutarti a diventare più produttivo. Di solito è focalizzato sul tuo lavoro piuttosto che sulla tua vita personale, ma come vedrai, ci sono anche vantaggi in termini di produttività nel tenere un diario sulla tua vita personale.

Esistono diversi metodi e approcci per l’inserimento nel diario della produttività e la maggior parte di essi può aiutarti in modi differenti. Ma se vuoi ottenere il massimo dal journaling della produttività, dovrai comprenderne i vantaggi, gli svantaggi e come implementarlo in modo efficace.

Benefici del journaling

Le persone che tengono i diari sono tutte concordi sui benefici di questa pratica. Una volta che qualcuno impara a tenere un diario su lavoro e produttività, raramente abbandona questa pratica. Questo perché è uno strumento incredibile che ti può aiutare a:

  • Raccogliere i tuoi pensieri
  • Definire i tuoi obiettivi
  • Esprimere le tue emozioni
  • Registrare i tuoi progressi
  • Riflettere sulle esperienze passate

Non c’è dubbio che l’inserimento nel diario nella tua routine giornaliera può aiutarti a essere più produttivo. L’inserimento nel diario è essenzialmente una pratica di brainstorming, pianificazione, monitoraggio e analisi delle tue attività, tutte abilità vitali per migliorare la produttività sul lavoro. Questo esercizio può essere estremamente utile se trovi difficile lavorare da casa e hai bisogno di quella spinta in più.

Consigli per iniziare con il productivity journaling

Se non hai mai provato il journaling, ti starai chiedendo come iniziare. È una strategia semplice, ma ci sono diverse cose che possono aiutarti a farlo bene.

Puoi utilizzare quasi tutti i tipi di diario che desideri per questo processo. Per alcune persone, investire in un bel diario rilegato in pelle può servire a motivare un’abitudine quotidiana. Per altri, un quaderno di base con rilegatura a spirale andrà benissimo.

Una volta che hai in mente un diario, prova a seguire questi importanti suggerimenti:

  1. Metti la cose su carta. Sebbene sia certamente possibile tenere un diario con un documento digitale o una piattaforma o app online, se lo fai, perderai i vantaggi di carta e penna. Per ottenere alcuni dei benefici completi, come migliorare la memoria, dovrai scrivere le cose fisicamente.
  2. Sii coerente. La pratica del diario della produttività trae il suo potere dalla coerenza. Quando sei coerente con la tua abitudine, sarai in grado di monitorare in modo affidabile i tuoi progressi verso i tuoi obiettivi, attingerai regolarmente ai benefici e sarai molto più propenso a seguire la strategia rispetto al lungo termine. Per quanto riguarda il modo in cui rendi questa abitudine coerente, dipende da te; molte persone traggono vantaggio dall’impostare un’ora specifica del giorno per il diario, ma questo non è un requisito rigoroso. Ad esempio, potresti dedicare 15 minuti al diario ogni giorno alle 17:30. Impegnarsi in un’abitudine quotidiana è forse l’approccio migliore, ma potresti anche provare a giorni alterni, settimanalmente o a intervalli diversi.
  3. Prenditi il ​​tuo tempo. Il productivity journaling è concepito come una strategia che alla fine può farti risparmiare tempo, quindi potresti essere tentato di abbandonare l’abitudine il più rapidamente possibile ogni giorno. Tuttavia, è molto più vantaggioso prendersi il proprio tempo. Non risparmiare tempo in questo processo. Trascorrere più tempo su ogni voce del diario ti avvantaggerà in molti modi; avrai più tempo per riflettere su ciò che stai scrivendo, avrai più opportunità di rilassarti e avrai molte più probabilità di goderti davvero questa esperienza.
  4. Evita il perfezionismo. Sebbene la coerenza e l’impegno siano importanti, non dovresti usarli come scuse per il perfezionismo. Il tuo diario non deve essere preciso, né deve seguire un certo formato; se rimani bloccato sui dettagli, potresti deviare dal tuo piano principale. Allo stesso modo, non farti prendere dall’analisi eccessiva di piccoli errori (come errori di ortografia) nel tuo lavoro; invece, concentrati sui dettagli di alto livello.
  5. Sperimenta approcci diversi. Esistono molti approcci diversi all’inserimento nel diario per la produttività. Nella prossima sezione, esamineremo alcuni sottotipi di journaling della produttività che puoi provare. Puoi utilizzare una varietà di formati diversi e puoi combinare approcci come la scrittura basata su paragrafi, la creazione di elenchi e persino schizzi di illustrazioni. Sperimenta con diversi approcci per capire cosa funziona meglio per te.
  6. Includi i tuoi pensieri e sentimenti. Molti “journalist” si concentrano esclusivamente su pensieri o sentimenti; usano il loro diario come un modo per esplorare i loro sentimenti soggettivi o come un modo per pensare pragmaticamente attraverso le loro idee e il loro lavoro. Questo non è necessariamente un male, ma otterrai di più dal tuo diario se fai entrambe le cose.
  7. Includi passato, presente e futuro. Allo stesso modo, molte persone pensano a un diario di produttività come un modo per raccontare gli eventi del passato o come un modo per valutare il momento presente. Otterrai più valore se includi contemporaneamente informazioni su passato, presente e futuro. Cos’è successo oggi? Cosa speri di fare nell’immediato futuro? Cosa significa questo per il tuo futuro più lungo?
  8. Impegnarsi in un formato. Dopo aver sperimentato alcuni diversi metodi di journaling della produttività, dovresti avere un’idea di quali metodi funzionano meglio per te, personalmente. A quel punto, dovresti impegnarti ad usare quel formato. Mantenere un formato ti aiuterà a rimanere coerente nella tua abitudine e ti consentirà di monitorare meglio la tua crescita, dal momento che confronterai le voci più vecchie con quelle più recenti.

Alcune domande a cui potresti rispondere.

Se ti prende il blocco dello scrittore e non sai cosa scrivere, ecco una bella carrellata di domande a cui potresti rispondere nel tuo diario.

  1. Quali compiti hai svolto?
  2. Quanto tempo hanno impiegato?
  3. Quali attività sono ancora nella tua lista?
  4. Cosa sta rallentando la tua produttività?
  5. Cosa lo aumenta?
  6. Quale parte della giornata sei più produttivo?
  7. Quale parte della giornata sei meno produttivo?
  8. Qual è la tua definizione di “ore produttive”?
  9. Dormi abbastanza?
  10. Mangi bene?
  11. Sei stressato?
  12. Cosa sta causando il tuo stress?
  13. Come puoi organizzare le cose nel tuo diario di produttività?

Le diverse tipologie di Journaling

Questi sono alcuni dei sottotipi più importanti di journaling della produttività. Sentiti libero di utilizzare uno qualsiasi di questi approcci come punto di partenza o di mescolare insieme diversi sottotipi come approccio globale:

Diari del mattino. Ad alcune persone piace iniziare la giornata tenendo un diario per 10-15 minuti. È un ottimo modo per liberare i pensieri e fissare un’agenda per la giornata; prova a usarlo se sei una persona spontaneamente mattiniera o se ti ritrovi sopraffatto al mattino e hai bisogno di uno sfogo per alleviare lo stress.

Journaling serale. Al contrario, potresti provare a tenere un diario la sera, dopo aver finito di lavorare. Questo è in qualche modo vantaggioso rispetto ai diari mattutini, poiché sarai in grado di riflettere sugli eventi della giornata una volta che saranno già passati. Può anche aiutarti a rilassarti e rilassarti prima di andare a letto.

Diari della gratitudine. I diari della gratitudine sono ideali per la gestione dello stress e per migliorare il benessere. L’idea è semplice; usali per raccontare tutte le cose per cui sei grato, sia nel contesto della giornata attuale che nel contesto della tua vita in generale. Annotare una manciata di cose che ti rendono felice ogni giorno potrebbe avere un impatto molto forte sul tuo umore e sul tuo ottimismo.

Diario degli obiettivi. I diari degli obiettivi sono più focalizzati sul raggiungimento degli obiettivi rispetto a qualsiasi altra funzione; puoi usarli per scrivere i tuoi obiettivi più importanti, suddividerli in singole attività e progetti e tenere traccia dei tuoi progressi mentre li raggiungi costantemente. Questi sono l’ideale se sei interessato al lato pragmatico dell’inserimento nel diario o se hai una storia di mancato raggiungimento dei tuoi obiettivi.

Registri di documentazione. I registri della documentazione servono come una sorta di registrazione degli eventi; li userai per descrivere le tue giornate lavorative in un certo livello di dettaglio, compresi i tuoi piani per il futuro. Offrono ampie opportunità di espansione, per quanto riguarda i tuoi pensieri e sentimenti su questi eventi, ma sono principalmente focalizzati sull’aiutarti ad analizzare il corso delle tue giornate lavorative.

Revisione di idee. I diari delle idee servono a tenere traccia delle tue idee. Ma a differenza dei diari di documentazione e gratitudine, su cui puoi lavorare in qualsiasi momento, i diari delle idee richiedono attenzione ogni volta che ti capita di avere un’idea e le idee possono arrivare ovunque, in qualsiasi momento. Se vuoi tenere un diario delle idee, prendi in considerazione l’idea di procurarti qualcosa di piccolo e portatile, che puoi tenere sempre con te.

Questo ha a che fare molto con una delle abitudini del metodo Zen To Done.

Magazine di apprendimento. I diari di apprendimento, a volte chiamati diari di curiosità, sono progettati per aiutarti a tenere traccia delle cose che vuoi imparare e delle cose che impari nel corso di una determinata giornata. Potresti annotare video da cercare o libri da leggere mentre li scopri , oppure potresti scrivere delle lezioni che hai imparato da un recente podcast. Questi sono fantastici se sei interessato a sviluppare le tue capacità e conoscenze come professionista.

Libri sul journaling

Se hai voglia di portare il livello del tuo journaling, o meglio del tuo bullet journaling, ad un altro livello questo è il libro che ti serve.

Quaderni e diari per il journaling

Chiamalo quaderno, diario o taccuino. Chiamalo agenda o journal, quando la pratica del journaling diventa insostituibile nelle tue giornate hai voglia di farlo su un supporto bello. Ecco qui allora qualche journal molto ben recensito su Amazon. Non solo sono belli esteticamente, ma sono anche organizzati in modo da rendere la tua pratica ancora più soddisfacente ed appagante.

LauraMusig
LauraMusig

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Donec velit augue, vulputate et sem eget, fringilla mollis neque. Morbi tristique, metus eu rhoncus commodo, tortor lacus vestibulum arcu, a porta eros quam nec dolor. Fusce vehicula lacinia dui, porta rhoncus risus tristique in. Quisque id sodales justo. Integer feugiat in nulla nec hendrerit.

Articoli: 24